100 numeri di Casa Premium, un'edizione speciale per tracciare uno sguardo inedito su Ravenna e dintorni

TC-2015-09Il prossimo numero della nostra rivista Casa Premium tocca la centesima pubblicazione ed uscirà il 17 settembre con un’edizione speciale: un formato più grande (24×33 cm) e un’ampia foliazione di ben 128 pagine, per tracciare uno sguardo inedito e curioso sulla città di Ravenna e i suoi dintorni. La rivista sarà presentata in anteprima ai Magazzini del Sale di Cervia, in occasione della Conferenza SeDici Architettura di giovedì 17 settembre.

 
Pubblichiamo l’editoriale del direttore Fausto Piazza che introduce alla rivista:
 
«Vi siete mai chiesti qual è la vostra idea di città? Cosa vi lega a dove abitate (la casa, la strada, il quartiere, il centro ma anche tutte le eccentricità fuori porta)? Ancor più semplicemente, cosa vi piace o vi attrae dei luoghi in cui vivete?
È su questa domanda, molto personale, che una decina di autori – collaboratori storici o recenti – ha fondato un lavoro collettivo ideato per il centesimo numero di questa rivista.
Ne sono scaturite un centinaio di risposte, fra immagini e parole, tutte molto libere e creative, autonome nello stile sia della visione che della scrittura. Si tratta di sguardi sulla città e i dintorni più legati al filo della memoria e della curiosità, che allo studio, all’approfondimento, all’analisi razionale che caratterizzano il tipico approccio distaccato ai temi di un saggista o un giornalista.
Dopo avere pubblicato nell’arco di oltre dieci anni un migliaio di articoli (dalla storia alla topografia, dall’urbanistica alle architetture pubbliche e private, dagli spazi culturali alle relazioni sociali) abbiamo voluto disegnare invece una mappa emotiva, sentimentale, dei luoghi e degli abitanti. Un mosaico – tanto per citare una cifra di interpretazione tipicamente ravennate – in cui ogni tessera (ogni pezzo) ha il suo colore e la sua sfaccettatura ma è nell’insieme che fa trasparire una raffigurazione e un carattere. Un disegno che può – per l’appunto – essere letto a pezzi o ricucito in forme mutevoli. Oppure un caleidoscopio puntato su certi orizzonti del nostro abitare qui e ora che si stagliano o si sfocano a seconda dell’inclinazione con cui li si osserva. In fondo è un gioco – anche se lo abbiamo preso molto sul serio – con cui tutti si possono cimentare e confrontare per adesione o contrasto.
Ognuno col suo punto di vista, ma nel rispetto e nella condivisione di uno spazio comune. Che è la nostra città.
Oltre le origini e le motivazioni antologiche da sui nasce questo numero del tutto speciale, va fatta qualche altra precisazione in chiave di lettura. Per prima cosa il formato che si amplia (nelle dimensioni e nella foliazione) rispetto alle precedenti 99 edizioni. Forse resterà tale in futuro, sicuramente l’articolazione di Casa Premium – una volta tanto stravolta – tornerà, a partire dal prossimo numero, con le sue consuete sezioni e rubriche curate dai rispettivi autori, “tornati nei ranghi” dei loro articoli tematici.
A questo proposito, in coda alla rivista, restano comunque la presentazione delle nostre Conferenze sull’architettura contemporanea (che hanno suscitato negli ultimi anni notevole interesse) e dell’andamento del mercato immobiliare, un focus economico periodico a cui abbiamo sempre prestato particolare attenzione.
Una nota particolare riguarda il mio personale contributo alla filosofia di questo speciale: a seguire questa inevitabile introduzione seguono una serie di scatti del fotografo Adriano Zanni, che pur non essendo propriamente un autore della rivista, gentilmente mi ha “prestato” per la pubblicazione una piccola ma emblematica selezione di immagini tratte dal suo grandioso (non solo per fascino ma anche per mole) lavoro immaginario sulla città – intitolato Cronache dal Deserto Rosso – che ho sempre ammirato per la forza, la passione e l’enigmaticità delle visioni raccolte.
Infine un ringraziamento, strettamente legato alla vocazione free press delle nostre edizioni – che significa pubblicazioni indipendenti, libere e a diffusione gratuita: riguarda le innumerevoli aziende di prodotti, beni e servizi legate al mondo dell’abitare che in oltre dieci anni (e in questa occasione) hanno scelto la rivista per promuovere le loro attività, consentendoci con la loro adesione al nostro progetto editoriale di divulgare una nuova cultura ed economia della casa, del vivere urbano, della qualità della vita».

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *