Home » Notizie » Giovedì 21 novembre alle Cantine di Palazzo Rava
l’architetto Daniela Moderini parlerà di “Progetti nel paesaggio”

Giovedì 21 novembre alle Cantine di Palazzo Rava
l’architetto Daniela Moderini parlerà di “Progetti nel paesaggio”

Scritto da Reclam | Notizie | 18 nov, 2013| Nessun commento »

Ultimo appuntamento del 2013 per la serie di conferenze promosse e organizzate dal Gruppo Ravimm e dalla rivista dell’abitare Trovacasa Premium, con il patrocinio del Comune di Ravenna e Ravenna 2019 e curate dall’architetto Emilio Rambelli di Nuovostudio. Giovedì 21 novembre, alle 21, nelle Cantine di Palazzo Rava l’architetto Daniela Moderini parlerà di “Progetti nel paesaggio”. Introduce l’incontro l’architetto Emilio Rambelli. A fine serata, seguirà un momento conviviale con i vini della Cantina Braschi (Mercato Saraceno).

L’architettura contemporanea come non si era mai vista – e sentita raccontare – a Ravenna. Ottavo e ultimo appuntamento per il 2013 con il ciclo di incontri a cura dell’architetto Emilio Rambelli di Nuovostudio, che vedono protagonisti architetti, ingegneri, giovani professionisti di importanti studi di progettazione che hanno sede a Ravenna e Faenza come a Siviglia, a Venezia ma anche a Madrid e Londra, per parlare di architettura e progetti di qualità. Per l’ultimo incontro in calendario, giovedì 21 novembre, alle 21, nelle Cantine di Palazzo Rava (via di Roma 117, a Ravenna), l’architetto Daniela Moderini parlerà di “Progetti nel paesaggio”. L’introduzione alla serata sarà di Emilio Rambelli.

 

Daniela Moderini, architetto e paesaggista, risiede a Venezia dove si è laureata all’Istituto Universitario di Architettura (IUAV). Dal 1991 svolge attività con studio professionale nel campo della progettazione, con particolare interesse verso la progettazione paesaggistica e territoriale, coniugando l’attività professionale con la ricerca e la didattica universitaria. Progetta spazi aperti pubblici e privati, per lungo tempo si occupa di pianificazione territoriale e ambientale soprattutto nell’ambito della laguna di Venezia in relazione al nuovo piano regolatore della Laguna e ai progetti connessi. Da oltre dieci anni si occupa, sia in termini di ricerca che di progettazione, della complessa relazione tra sviluppo delle energie rinnovabili e paesaggio.

Professore a contratto presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara, nella stessa Università è stata responsabile per molti anni del “Laboratorio per il progetto finale in progettazione del paesaggio” e responsabile del laboratorio interdipartimentale di ricerca “Landscapeagency”. È stata docente di progettazione paesaggistica al “Graduat Superior en Paisatgisme” e del “Master de Arquitectura del Paisaje” presso l’ETSAB-UPC di Barcellona. Insegna al “Master of Mediterranean Landscape Urbanism” e del “Master in Pianificazione e politiche per la città, l’Ambiente e il Paesaggio” presso l’università di Architettura di Alghero. Ha tenuto conferenze in Italia e all’estero nell’ambito di convegni workshop e seminari dedicati a “energia e paesaggio” e ha pubblicato numerosi articoli e saggi sull’argomento. Partecipa a concorsi di progettazione nazionali e internazionali conseguendo premi e segnalazioni.

 

Nella conferenza di Ravenna presenterà i suoi progetti più significativi e in particolare il Progetto paesaggistico della nuova sede della Tozzi Industries a Mezzano di Ravenna, la riqualificazione architettonica e paesaggistica della Centrale Geotermoelettrica SASSO 2 di EnelgreenPower e il percorso turistico di visita a Sasso Pisano a Castelnuovo Val di Cecina (PI) e dei giardini pensili di Casa Wagner nella Giudecca a Venezia. «Progettare nel paesaggio significa lavorare attorno ad un’opera aperta, inserirsi in un processo e dialogare con le trasformazioni, lavorare con il tempo – racconta così il suo lavoro Daniela Moderini -. Una progettazione in cui il processo è determinante il progetto si affina per successive approssimazioni e spesso gli esiti possono essere prefigurati e suggeriti ma mai compresi in pieno».

«I progetti di cui parlerò – spiega l’architetto Moderini a proposito della sua conferenza – riguardano alcuni lavori in cui la vegetazione ha un ruolo primario nella composizione del progetto, l’elemento vegetale con le sue mutazioni stagionali e crescita nel corso degli anni che non può quindi essere considerato come materiali da costruzione seriali o modulari, ma in quanto individuo singolare con la propria presenza e carattere. Un’altra serie di lavori che sintetizzo con il titolo di “Il paesaggio e le forze” in cui si indaga la relazione tra energie rinnovabili e paesaggio spaziando tra progetti per il bacino geotermico in Toscana e progetti eolici, soprattutto in sud Italia, ma anche all’estero, fino alle recentissime esperienze di parchi eolici off-shore».

 

All’incontro, seguirà un momento conviviale con le degustazioni offerte dalla Cantina Braschi di Mercato Saraceno.

La serie di conferenze è resa possibile grazie al fondamentale sostegno del gruppo bancario Banca Mediolanum e delle aziende ravennati Tozzi Industries, Ciicai, Edilpiù, Tavar e Nadep-Ovest.

(nella foto, la centrale Enel di Sasso Pisano)

Lascia un commento