Home » Notizie » Il bello (e l’utile) dell’architettura contemporanea

Il bello (e l’utile) dell’architettura contemporanea

Scritto da Reclam | Notizie | 25 feb, 2013| Nessun commento »

Successo di pubblico per la prima delle otto conferenze sul ruolo propositivo e virtuoso dell’architettura contemporanea, promosse a Ravenna dalla rivista Trovacasa Premium e dal gruppo Ravimm e curate da Emilio Rambelli

 

Un folto pubblico (un centinaio di persone), curioso e attento, ha affollato le Cantine di Palazzo Rava a Ravenna, in occasione del primo incontro (lo scorso 21 febbraio) del ciclo di otto conferenze su “Il ruolo dell’Architettura contemporanea”, promosso dalla rivista dell’abitare Trovacasa Premium (edita da Reclam) e dal Gruppo Ravimm. La serie di incontri, ideati e curati da Emilio Rambelli, ha visto come protagonista della conferenza d’esordio il giovane architetto romagnolo Filippo Pambianco che è intervenuto presentando diversi progetti a cui ha partecipato collaborando con il prestigioso studio di Guillermo Vazquez Consuegra di Siviglia, come “architetto coordinatore” per i Concorsi di Progettazione.

 

A partire dal progetto per la sistemazione del lungomare di Vigo (nel nord della Sagna), Pambianco ha presentato un puntuale excursus sui metodi, le soluzioni funzionali e l’estetica della progettazione firmata dallo studio Consuegra all’insegna del «pensar la cosas». Ovvero di una progettazione meditata e ponderata, fatta di progressivi perfezionamenti ideativi, orientata a rigenerare e integrare manufatti o spazi storici e ambientali, e fondata su due elementi fondamentali: il vuoto e la luce.

Particolarmente suggestiva l’esposizione dei progetti vincitori, o comunque premiati, per i concorsi dedicati al nuovo terminal crociere di Lisbona, al centro culturale Caixa Forum di Siviglia (che restaura e integra con innesti contemporanei un’antico cantiere navale nel centro storico della città spagnola), all’ingresso e centro visite dell’Alhambra di Granada. Un incontro che ha messo l’accento sul rilievo che all’estero (in questo caso in Spagna) hanno, – con ricadute positive sull’economia, la società e la qualità della vita delle città – i concorsi di progettazione e gli esiti di un’architettura virtuosa e di qualità.

 

Il prossimo appuntamento con il ciclo di incontri sul ruolo dell’architettura contemporanea è in programma giovedì 21 marzo (sempre alle Cantine di Palazzo Rava, sempre alle 21) con l’architetto Michele Tarroni che parlerà del lavoro e dei progetti dello Studio Stanton Williams di Londra. Va sottolineato che il ciclo di incontri è reso possibile dal sostegno del gruppo bancario Banca Mediolanum e delle aziende ravennati Tavar, Copre e Nadep-Ovest.

 

Nelle foto, dall’alto: un momento della conferenza; il relatore Filippo Pambianco e il coordinatore Emilio Rambelli.

Lascia un commento